Tavolara, Via Ferrata degli Angeli

L’Isola di Tavolara appare subito come una grande montagna in mezzo al mare. Con i suoi 565 verticalissimi metri (Punta Cannone) si erge imponente davanti al Golfo di Olbia.

La salita alla sua vetta è un’escursione piuttosto impegnativa (EEA). Vi si trovano due differenti vie di salita, la Via Ferrata Classica (la meno tecnica [vai alla scheda] più adatta a chi non ha precedenti esperienze in via ferrata) e la Via Ferrata degli Angeli (più impegnativa, qui descritta).

In entrambe i casi occorre tener conto del fatto che il dislivello non è trascurabile (+565m) sia perché si sviluppa lungo flebili tracce di sentiero, sia perché vi si incontrano numerosi passaggi su roccia.

La Via Ferrata degli Angeli è caratterizzata da una continua alternanza di tratte di scrambling (arrampicata facile) a tratte protette da un cavo d’acciaio. Lungo il percorso sono pressoché assenti i gradini artificiali, infatti la progressione avviene quasi esclusivamente su roccia.

Le stagioni ideali per salirvi sono la primavera e l’autunno. In estate questo percorso è fortemente sconsigliato per via della continua esposizione al sole.

Per raggiungere l’isola è necessario imbarcarsi sui traghetti da Porto San Paolo o noleggiare un mezzo privato.


Via Ferrata degli Angeli, Isola di Tavolara


 
Altre informazioni
I gruppi possono essere composti da un minimo di 6 partecipanti e la quota di adesione individuale è di 50 €.
L’escursione ha una durata di circa 6 ore. La quota di partecipazione include l’accompagnamento e il prestito del materiale tecnico necessario. Non include i costi dei transfer via mare (il traghetto ha un biglietto A/R di 16 euro).

N.B. si ricorda che l’Isola di Tavolara è una proprietà privata, pertanto l’organizzazione dell’escursione è subordinata all’ottenimento del permesso da parte dei proprietari.